// archives


Archive for December, 2012

7 psicopatici
(Seven Psychopaths, Martin McDonagh, 2012)

Pezzo in tre parti e mezzo in cui si parla di Crisi dello Scrittore, Rosse Atomiche, Tarantino e rapimenti di cani.

Ancora sul marcio in Danimarca.
Caccia e mascherata in Jagten di Thomas Vinterberg

La chiusura, la crudeltà e la superstizione di una piccola comunità sono di nuovo sotto lo sguardo impietoso del cinema danese. L’analisi di Natalia Guerrieri dell’ultimo film di Thomas Vinterberg.

postcard from MONGO |
Il boia di Parigi e (le) altre Storie

mongo_banner

Alcune riflessioni sulla nuova collana della Sergio Bonelli: Le Storie. Colpevolmente ve lo proponiamo solo ora, a ridosso dell’uscita del terzo albo, in attesa di redarre un primo bilancio e verificare quanto le nostre intenzioni fossero fondate.

2012 | List-o-rama

Senza quasi che ce ne accorgessimo, quel momento dell’anno è tornato: le classifiche di fine anno. Preparate i coltelli.

I 2 soliti idioti
(Enrico Lando, 2012)

Marnie per digerire gli eccessi culinari natalizi è andata a vedere un film idiota sperando di farsi due risate idiote, ma ha solo speso 8,50€ per farsi una pennica postpranzo.

The Grey
(Joe Carnahan, 2012)

C’è uno, in Alaska, che di professione ammazza i lupi. Un bel giorno si trova bloccato nel territorio di un branco di canidi con un’accozzaglia di trivellatori da due soldi. Demoni interiori per un film paraculo.

Dans la maison
(François Ozon, 2012)

Un’opera non del tutto riuscita – forse anche a causa di un progetto troppo ambizioso – imperniata sul rapporto morboso tra un professore di lettere una giovane penna in erba.

due | Lawless
(John Hillcoat, 2012)

Tre fratelli, la bella di facili costumi, l’untuoso pezzo grosso governativo. Lawless mobilita un immaginario consolidato per giocare al tavolo dell’epica, ma non ha le carte per portare fino in fondo la partita.

Auspici natalizi

Orbe terracqueo, 25 dicembre 2012 | e quindi buone feste (qualsiasi cosa festeggiate)

dicembre 2012 | overview

Folquet su Moonrise Kingdom e altre (belle) cose dicembrine.

Itaker – vietato agli italiani
(Toni Trupia, 2012)

Itaker racconta il lato oscuro del boom, quello di chi d’estate non sedeva su un’Aurelia decappottabile, ma lavorava di braccia nell’inverno tedesco.

due | Ruby Sparks
(Jonathan Dayton, Valerie Faris, 2012)

Un film che molti ameranno. Un probabile cult generazionale. La linea sottile che passa tra merda e cioccolato per aldoneversmiles.

Dracula 3D
(Dario Argento, 2012)

Esordio sushiettibile per pilloledicinema. E siccome il ragazzo è nuovo, abbiamo pensato bene di ammollargli la perla. Gufi treddì e pope ciccioni: come e perché Dario Argento non l’ha imbroccata neppure stavolta.

Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore
(Moonrise Kingdom, Wes Anderson, 2012)

Il nuovo film del regista culto di una generazione non è la sua opera migliore ma la più sincera e toccante. Meraviglioso racconto di un’estate che non torna più.

uno | Lawless
(John Hillcoat, 2012)

Tra The Road e The Walking Dead, ecco un western che non t’aspetti. Con un cast perfetto, un gran film!

Anima² | Un mostro a Parigi
(Un monstre à Paris, Bibo Bergeron, 2011)

A Parigi ci sono un proiezionista, un inventore sfigato, Vanessa Paradis e una pulce gigante canterina.