// archives


Woody Allen

This tag is associated with 11 posts

She’s Funny That Way
(Peter Bogdanovich, 2014)

Per un nostalgico, per un amante dei film della Hollywood classica, un culture di quel cinema di parola, fatto di dialoghi e attori più che di regia. Per un amante dell’ultimo Allen. Per tutti costoro, questo è il film perfetto. Tuttavia…

Woody Allen: A Documentary
(Robert B. Weide, 2011)

Woody Allen: icona, intellettuale, fallito? Un recente documentario di Robert Weide esplora la vita e le opere di uno dei più vezzeggiati cineasti americani in Europa. Folquet si abbandona a quattro chiacchiere in versione agostana.

To Rome with Love
(Woody Allen, 2012)

Questo film verrà ricordato come uno tra i suoi peggiori, e tanto brillante in fondo non lo è, ma alla fine io sono comunque uscita dalla sala pensando che pensionamento in arrivo o no, Woody ne sa sempre e comunque una più del diavolo. Forse è il diavolo stesso.

Cairo Time
(Ruba Nadda, 2009)

Ruba Nadda dirige una storia d’amore fatta nascere a bella posta tra lei e lui per dare languidamente spazio all’amore di entrambi nei confronti di una città che Juliette, giornalista americana in Egitto, imparerà ad amare e vedere attraverso gli occhi di lui.

Medianeras
(Gustavo Taretto, 2011)

pescecrudo | In una Buenos Aires tanto bella quanto incasinata, vivono Martin e Mariana, lui web designer e lei vetrinista, tutti e due soli e dalle vite sentimentali sconclusionate.

Midnight in Paris
(Woody Allen, 2011)

CCPU si misura con l’ultima creazione dell’immarcescibile Allen: un film al quale, dopo i ‘dai basta’ del caso e i tweed inossidabili di Wilson, rimane Parigi.

Roberto Benigni nel prossimo film di WA

Manhattan, New York City. 8 maggio 2011 | in un’intervista uscita oggi su USA Today il vecchio Woody conferma che nel suo prossimo film – ambientato a Roma – ci sarà pure Benigni. Roberto e Woody nello stesso film: in pratica, la gioia di tutte le mamme. resta comunque assodato che – dopo la pellicola [...]

Biutiful
(Alejandro Gonzales Iñarritu, 2010)

« Ero sereno e Dio mi ha stritolato, mi ha afferrato la nuca e mi ha sfondato il cranio, ha fatto di me il suo bersaglio. I suoi arcieri prendono la mira su di me, senza pietà egli mi trafigge i reni, per terra versa il mio fiele, apre su di me breccia su breccia, infierisce su di me come un generale trionfatore » (Giobbe 16, 12-14).

Provaci con più calma, Woody

Cannes, 2 febbraio 2011| Avete presente l’ultimo film di Woody Allen, uscito da noi 2 mesi fa? Ecco, già non è più l’ultimo. Oggi è circolata la notizia che la nuova tappa del tour europeo del regista nuiuorchese aprirà la prossima edizione del Festival di Cannes. Rachel McAdams, Owen Wilson e Parigi a mezzanotte. Ducojoni? [...]

Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni
(You Will Meet a Tall Dark Stranger, Woody Allen, 2010)

Dopo Match Point, Scoop e Sogni e Delitti, Woody Allen torna nella grigia Londra per girare il suo ennesimo lungometraggio. Argomento odierno è la senilità. O meglio: Tutto quello che avreste voluto sapere sulla senilità ma non avete mai osato chiedere. Tutto il nucleo filmico è riassumibile nell’idiosincrasia della solitudine e del non avere nessuno accanto, paura a cui ognuno cerca di porre rimedio come può, spesso sconfinando nella sottile linea di demarcazione della miseria umana.

Basta che funzioni
(Whatever Works, Woody Allen, 2009)

20092409_whatever2

Dimenticate pure gli ultimi due o tre anni di eurotrash e andate a vedere Basta che funzioni (Whatever works, 2009) di Woody Allen! Il regista torna a girare a New York dopo Melinda e Melinda, (Melinda and Melinda, 2004) e la città tanto amata prima e rinnegata poi lo ricambia, adagiandosi solare e tiepida come nei “loro migliori incontri”.