// you’re reading...


Featured

the cat came back | Justified
la giustizia giusta del giustiziere

Il volto della giustizia americana è celato dietro una maschera ideologica, questa maschera è la vendetta. Il giustiziere americano, l’eroe che attraversa la storia dello schermo – che è poi uno specchio dei desideri della storia passata e futura dal dopoguerra ad oggi – lotta contro uomini corrotti o incapaci, in un ambiente manicheo diviso tra buoni e cattivi.  Vista la situazione ottenere giustizia giuridica non è una certezza. Al contrario della vita reale, quando coloro che rappresentano la legge sono uomini corrotti o incapaci, non ci si rassegna all’ingiustizia ma ci si affida alla mano provvidenziale di un giustiziere.

L’ossessione per l’ingiustizia non è nuova, anzi prende forma  con i primi Western degli anni Trenta, proseguendo con i polizieschi anni Settanta, e arrivando alle forme contemporanee dei serial. Lo schema è quello di un personaggio con una morale forte, cui fine giustifica ogni mezzo, che agisce in nome di alti ideali contro nemici spietati. Nemici spesso antipatici, dai tratti disumani, veri e propri esseri pericolosi da eliminare per il bene della collettività.

Nella serialità americana contemporanea ci sono almeno un paio di casi esemplari di “giustizieri mascherati”. Il primo, ufficiale e istituzionale, è Jack Bauer di 24, per cui il fine giustifica ogni mezzo nella lotta al terrorismo. Alcuni video ne provano la spietatezza. Il secondo è l’outlaw hero – perché anche gli assassini in America possono essere giustizieri buoni – Dexter che, per giustificare la propria sete di morte, giustizia i criminali sfuggiti alla legge. La libertà illegittima diviene possibilità di vendicare, col sangue, le vittime. Dexter nel romanzo di Jeff Lindsay ha il sottotitolo “La mano sinistra di Dio”, ed è questo il punto: la morte è giusta e giustificata dalla volontà di Dio (ricordate la piccola vendicatrice ne Il grinta dei fratelli Coen?), dal bene assoluto e supremo contro il male: questa è la giustizia americana dove pena di morte e puritanesimo convivono senza contraddizioni.

È proprio la giustificazione di un assassinio la scena iniziale del serial Justified, tratto dai racconti western di Elmore John Leonard. Raylan Givens è un giovane sceriffo che agisce come un vecchio John Wayne dalla rivoltella facile ma quando uccide – per legittima difesa – un mafioso in Florida viene “sanzionato” dal suo superiore che lo trasferisce in Kentucky, luogo che Ray conosce dalla nascita e, vista la decisione, supponiamo essere meno civilizzato della Florida. Justified piacerà a tutti coloro che amano i personaggi carismatici che risolvono i problemi degli altri ma che faticano ad affrontare i propri. E’ presentato come un crime drama, ma non manca il lato grottesco di alcune scene. In Italia lo potete vedere su AXN canale satellitare di Sky.

Discussion

No comments for “the cat came back | Justified
la giustizia giusta del giustiziere”

Post a comment